1. fanculo a photoshop

    March 29, 2014 by hot tuNa

    Christo in 1982 (@art stage Singapore)

    20140329-120927.jpg


  2. THE MARKS OF WATER

    March 27, 2014 by hot tuNa

    20140329-120158.jpg

    Last night great Canadian photographer Edward Burtynsky was in Singapore, at Sundaram Tangore gallery in the Gillman Barracks to screen his new visions in the documentary WATERMARK.
    A series of extremely impressive sequences from around the globe showing the relationship of humanity with water.
    As he explained it has to be a very fine balance between the content and the aesthetic appeal of the image in order to be effective and be able to communicate.
    In principle all the contents are not really unknown or unseen, but is precisely the way they are ’seen’ that matters and suggests broader reflections, because it’s a dolly shot of many different phenomena that otherwise wouldn’t be related in your mind. As Alicia pointed out, it’s the sharp but yet simple synthesis the great ability of this ’movie’.
    Highly recommended to everyone who’s not afraid about how humanity is ’diverting’ he flows of the planet.

    WATERMARK – Trailer from Flowers Gallery on Vimeo.


  3. H.ardly D.efined B.oundaries

    January 18, 2014 by hot tuNa

    Welcome to Singapore!

    social organization recipes made with electronic precision balance

    new recent measures to contain the, everyday growing, worrying “epidemic” of foreignness.

    latest academic research worn that this sneaky bacteria might lead to spread of threatening symptoms like strange “ideas”

    new quota for foreigners in public housing capped to 8% per neighborhood and 11% per block as reported by the straits times (link)

    20140118-132904.jpg


  4. R.I.G.

    April 18, 2013 by hot tuNa

    20130418-021121.jpg

    nonostante io auguri pace anche al mio peggiore nemico, magari chi ama tanto la guerra, invece di riposare in pace, preferisce Riposare In Guerra….

    la cara signora trainata da un cocchio e anziani ufficiali alla cattedrale di St.Paul oggi forse non avrà concretamente determinato così tanto il mondo di oggi, come alcuni pensano. Ma potrebbe essere quella ad aver tracciato la direzione….. …..sbagliata.

    R.I.G.


  5. advanced digital edo painting

    March 21, 2013 by hot tuNa

    Tokyo based team-Lab pushes the boundary between digital and analog in a really interesting direction..

    this painting without perspective depth as in some traditional japanese art is created through a very complex 3d modeling that is rendered as flat textured paint.

    Maya’s drop sometimes breaks in pieces and reveals the digital underworld behind the painting reality, but which one is more real and which is reproduction?


  6. riflessioni asiatiche sull’essenza delle cose

    March 17, 2013 by hot tuNa

    tradizione cinese vuole che per stimolare le capacità intellettive dei giovani studenti, specie in periodo di esami, gli si dia da mangiare della preziosa essenza di pollo…

    molti potranno domandarsi cosa sia codesta essenza, e soprattutto come si estragga dai malcapitati pennuti, ma credo sia meglio lasciare alla fantasia di ciascuno. Fatto sta che il tutto si presenta come fluido marrone contenuto in piccoli barattolini…

    nonostante in asia sterminino la popolazione aviaria brutalmente per alimentarsi, evidentemente ritengono codesti animali molto intelligenti, per volerne interiorizzare la sostanza

    20130317-003310.jpg
    essendo risaputo che i maiali sono molto dotati cerebralmente, magari invece del ginseng bisognerebbe optare per il lardo di arnad

    a proposito di sostanze suine vale la pena di ricordare il nostro caro Matthew (con cui, evidentemente, sono particolarmente in fissa in questo periodo), che nel recente concept album One Pig, diciamo che scopre a modo suo le essenza del maiale…

    click sull’immagine per vedere un video sull’album

    20130317-010818.jpg


  7. oppositions

    March 12, 2013 by hot tuNa

    we probably need more oppositions….
    everywhere, anyway….

    20130312-091808.jpg

    20130312-091826.jpg

    20130312-091837.jpg

    south american leader, un-wise but useful magazine, print on the tshirt of an innocent singaporean yesterday at the coffeshop….


  8. fffound: HK at the turn of the billennium

    March 8, 2013 by hot tuNa

    20130309-000618.jpg

    20130308-235534.jpg

    two very interesting series about life in Hong Kong…

    (click on for the links)

    …we can only think about Billennium by the dear J G Ballard and about the future…of the world…


  9. Bondi to Bollywood, with a quick stop in Baghdad..

    March 4, 2013 by hot tuNa

    Jonathan Kneebone, from the sydney based collective of “creatives” the glue society participated to the interesting annual conference for the design society festival in Singapore, last saturday

    a group of people from very different backgrounds and with no specific direction, they blur the boundaries between writing, film-making, art and much more, they basically find original and unconventional solutions for anything…

    ok they mostly gain their lives with advertisements and for a comedy show adv with the ridiculous budget of 5000$, they came up with this really super smart idea:

    Chaser’s War On Everything from The Glue Society on Vimeo.

    they basically put the cartel on the cheapest billboards in the world, which means, anywhere in the world, from Estonia to Iraq and from Iceland to India…where they even painted it by hand, as they do for Bollywood movies, because it’s much cheaper down there!!!

    the result was viral and they got an incredible web and press coverage.


  10. collective responsability..

    February 20, 2013 by hot tuNa

    Beh, questa va ben’oltre la mia immaginazione riguardo al meraviglioso paese dei gringo d’oltre-oceano.

    COLL

    Da “la repubblica”: “L’ultima provocazione contro la legge per il controllo delle armi arriva dalla Virginia. Jae Laze, proprietario di “All around pizza” offre uno sconto del 15 per cento a chi entrerà nel suo locale armato. Laze ha detto che la sua iniziativa ha avuto un successo strepitoso e che l’80 per cento dei clienti si è presentato con delle armi, uno persino con un Ak-47, uno dei fucili d’assalto che il presidente Barack Obama vorrebbe vietare con la sua legge. In questa foto il titolare della pizzeria con l’anziana madre in posa col fucile”

    Direi che non ci resta che guardarci un riassunto molto breve del paese delle meraviglie…


  11. sedute di getto…

    February 17, 2013 by hot tuNa

    bellissime sedute di legno bruciato e fusione di alluminio della designer israelita Hilla Shamia (webpage)

    hilla002

    “Furniture combining cast aluminium and wood. The negative factor of burnt wood is transformed into aesthetic and emotional value by preservation of the natural form of the tree trunk, within explicit boundaries. The general, squared form intensifies the artificial feeling, and at the same time keeps the memory of the material.”

    hilla001


  12. simply sampling

    February 16, 2013 by hot tuNa

    yesterday I had a nice encounter with sampled music at a performance at Lasalle college of Arts.

    hay1

    Bani Haykal built himself some mound machines from objects, very interesting and nice show, I would just suggest a bit more of rithm and groove…he he…

    therefore I suggest to listen again to our dear friend Matthew and his wonderful “Around the House” album

    matthew-herbert

    …click here for Matthew Herbert’s manifesto…
    and below for “We still Have (the music)”


  13. “innocence is overrated”

    February 3, 2013 by hot tuNa

    this is the brilliant title of the following painting by Thai artist Natee Utarit, exhibited a while ago in a harbout warehouse in Singapore.

    it is part of a “positive” serie called “optimism is ridiculous” which itself is part of the bigger Singaporean art event “WE ARE ASIA” (is it casuality the reference cosmic pessimism/contemporary asia? I honestly don’t think so….)
    The painter said to be inspired by Derek Jarman’s anachronistic (and amazing, I would add,..) movie “Caravaggio” from 1986.

    I personally didn’t find the “baroque” paintings by our Thai friend extremely special, but the titles really worth it and the overall impression was very interesting.

    And, of course, the movie is really good, so I recommend it to everybody, together with Wittgenstein, which is even better..


  14. malelingue

    November 30, 2012 by hot tuNa

    colonizzazioni, migrazioni, conversioni, costrizioni…la storia umana e` piena di fenomeni sociali che portano a mescolanze e modificazioni culturali. Il risultato? gran parte dell’ umanita` parla un miscuglio di lingue, ma frullate e shackerate a puntino.

    in indocina molti studiano in inglese, supremo idioma del business, a casa parlano cantonese o mandarino e ufficialmente malese o thai….e se ci si sposta verso l’india, non parliamone nemmeno….

    ma quella che puo` sembrare una societa` poliglotta e integrata ha in realta` il terribile difetto di specializzare l’uso delle lingue a diversi ambiti e impoverirne la conoscienza globale. Il risultato? gran parte dell’ umanita` parla quel miscuglio di lingue male, e riducendo la propria proprieta’ di linguaggio, di fatto, riduce la propria mente….ma non andiamo troppo in fretta…

    per inciso, io una unica lingua madre ce l’ho ed e` anche particolarmente bella, percio` dovrei scrivere di piu` con essa, anche se il messaggio sara` accessibile solo a una piccolissima parte del pianeta….(tanto credo comunque che questo blog non lo legga nessuno!?!?!)


    il primo ministro di Singa lancia la campagna per parlare un’inglese piu`corretto..

    tornando ai miscugli verbali, nello specifico, direi che l’inglese e` assolutamente pragmatico, calzando perfettamente nella cultura anglosassone, ma non brilla certo in sfumature.
    Quando viene esportato a popoli particolarmente inquadrati, come i cinesi, il cocktail puo` diventare esplosivo. Il cinese, in uno qualunque dei vari modi di parlarlo, ha enorme proprieta` lessicale, ma quasi nessuna struttura.
    il risultato? nel sudest asiatico, purtroppo, invece di aver dato vita a un inglese multisfaccettato, ne ha abortito una versione sgrammaticata e gutturale

    ora veniamo al tasto veramente dolente….la neo-lingua….
    senza scavare a fondo tra gli innumerevoli parallelismi tra il capolavoro orwelliano e questa piccola isola equatoriale, bisogna riconoscere che il numero di acronimi usati giornalmente dalla popolazione locale e` sbalorditivo.
    molte si generano nei documenti ufficiali, nella scrittura digitale, negli sms, nel linguaggio tecnico, ovunque…
    il risultato? una semplice conversazione di lavoro a Singapore può sembrare un messaggio militare in codice, e di alcune sigle le persone hanno gia` dimenticato il significato esteso originario.
    Il progetto procede a gonfie vele, quindi chiudo pensando a quello che scriveva il caro George, tradotto nel piacevolissimo idioma italico:

    ” Fine della Neolingua non era soltanto quello di fornire un mezzo di espressione per la concezione del mondo e per le abitudini mentali… ma soprattutto quello di rendere impossibile ogni altra forma di pensiero.
    Era sottinteso, come una volta che la Neolingua fosse stata definitivamente adottata, e l’Archelingua, per contro, dimenticata, un pensiero eretico sarebbe stato letteralmente impensabile, per quanto almeno il pensiero dipende dalle parole con cui è suscettibile di essere espresso.
    Il suo lessico era costituito in modo tale da fornire espressione esatta e spesso assai sottile a ogni significato che un membro del Partito potesse desiderare propriamente intendere…
    Daremo un unico esempio. La parola libero esisteva ancora in Neolingua, ma poteva essere usata in frasi come “Questo cane è libero da pulci” ovvero “Questo campo è libero da erbacce” ma non poteva essere usata nell’antico significato di “politicamente libero” o “intellettualmente libero” dal momento che la libertà politica e intellettuale non esisteva più, nemmeno come concetto, ed era quindi di necessità priva di una parola per esprimerla.
    La Neolingua era intesa non a estendere ma a diminuire la possibilità del pensiero; si veniva incontro a questo fine appunto, indirettamente, col ridurre al minimo la scelta delle parole…”
    Orwell, G., 1984, Mondadori, 1996, p.315- 326


  15. com’è profondo il mare?

    November 13, 2012 by hot tuNa

    il sagace obiettivo di fernando guerra si volta verso una distesa di porfido….sotto il cielo blu intenso qualche erbaccia cresce a stento e si confonde nel paesaggio…potrebbe essere li da cent’ anni…

    poco distante compare un cristallo illuminato e, dietro ad esso, la superficie si incurva come una foglia nel forte vento della costa basca; e appare una morbida superficie di cemento che porta la nostra mente nell’india corbuseiana….

    il progetto di Holl a Biarritz riesce misteriosamente a trovare un rarissimo equilibrio tra impeto di novità e naturalezza pacata.

    può una materialità antica cambiare totalmente la percezione di un edificio e creare un luogo vero? possono un paio di superfici sinuose addolcire l’impatto di un edificio marcatamente contemporaneo? possono poche sublimi imperfezioni ed asimmetrie far perdere ogni rigidità a un prisma di vetro?

    l’estrema forza della topografia artificiale trapela all’interno, dove lo spazio sufficientemente indefinito, senza diventare generico, è attraversato da un’interessante passerella elevata, in una pianta che svela un elegante gioco di allinementi.

    peccato che l’alchimia materica resti fuori dalla porta. il bianco indifferente regna sovrano e con i consueti materiali di uno spazio espositivo fa perdere un po’ della specificità del resto dell’edificio, tanto rara e preziosa in questi tempi bui.

    la cité di Holl mi sembra forse il progetto più interessante che sia apparso negli ultimi mesi (vari mesi….) , mi piacerebbe molto andarci e camminarci in lungo e in largo per capire se il sentore è adeguato, ma le belle coste basche si trovano a qualche decina di migliaia di chilometri dalla penisola malese…

    quindi aspetterò tempi migliori (in tutti i sensi), quando si tornerà ai lidi europei, per ora mi accontento delle belle fotografie portoghesi, un po’ estremizzate, ma intense come il surf quando trova quel rarissimo equilibrio su un’onda…


  16. fanculo a instagram

    September 29, 2012 by hot tuNa

    La canzone e il video preferiti di alicia ultimamente….stupenda…


  17. air in proper conditioning

    September 15, 2012 by hot tuNa

    Lina Bo Bardi – Service entry and HVAC equipment of the SESC, São Paulo 1982. Scan from here.

    via SUBTILITAS.


  18. soft as stone and smart as orange

    September 2, 2012 by hot tuNa

    “A work of art that represents nothing is a work of art that contains everything. There is not just one «meaning» but there are a hundred thousand stimuli depending on the moment.”

    …our dear Bruno Munari talking about Kan Yasuda’s scultures in 1991…

     

    I was just in front of them last week a night in Naoshima island in Japan and did’t see them in the darkness….

     


  19. fffound: let’s rock

    July 2, 2012 by hot tuNa

    Wow, for all you hyper post- shit lovers here is an incredible Fake Great Rock, located in Budapest Zoo….

    built around the beginning of XXth century and renewed a short while ago by Atelier Peter Kis (the interior of their latest wineries also really worth attention…)

    Piranesian or Pintoresque, for others it might just be… the systematic construction of a big mess….

    enjoy this wonderful original plan


  20. the culture of the aw-hard winning culture…

    May 20, 2012 by hot tuNa

    We could spend days, months or years arguing about the objectivity of the “Quality” of things.
    At the moment I’m reading “Zen and the art of repairing motorcycles”, which I highly recommend, and therefore I’m very much into the this stuff…
    Anyway, without being any rigorous about it, we might admit that a considerable amount of quality is self-evident, especially in design fields…
    In the anglosaxon world the culture of awards is very popular, perehaps, I guess, because of their struggle for objectivization of every aspect of professional life.
    But when it spread to Asia, melting with the hyper-pragmatic chinese mindset, it became obsession…everything can apply to an award, everybody can get awards for anything… the best students, best company, best designer, best post officer, best cab driver…wow…
    it is not rare to find brochures and websites showing horrible projects and populated by thousands of small logos proving the absolute “quality” of the shit shown around…
    At the annual gala dinner of the Siangapore Institute of Architects a couple of days ago, the presidents wonders why the government still searchs for famous foreign firms instead of local talents…meanwhile he distributes numerous awards to Singaporean firms, for Singaporean projects, by Singaporean jury…
    Any sign of unsecurity?